Genova: detenuto albanese di 54 anni, in attesa di giudizio, si è impiccato ieri nel Carcere di Marassi


Casa Circondariale Marassi GenovaUn anno fa aveva ammazzato a Sutri (Viterbo) la sua compagna per gelosia con sette coltellate alla gola e tentò il suicidio, quattrordici anni prima la moglie a Roma a colpi di piccone. Aslan Agoi, 54 anni, albanese, si è tolto la vita nella Casa Circondariale di Marassi a Genova, impiccandosi con la cordicella della tuta legata alla finestra. Per impiccarsi  ha atteso che i suoi compagni uscissero per recarsi all’aria. Inutili sono stati i soccorsi prestati dal personale di Polizia Penitenziaria e dai Sanitari del 118.

Era un detenuto in attesa di giudizio. L’11 novembre scorso a Sutri, aveva ucciso  la sua compagna mentre i figli di lei erano a scuola e aveva tentato di suicidarsi bevendo candeggina.  L’uomo, quattordici anni fa, aveva ucciso la moglie. Era accaduto a Cave, in provincia di Roma: la donna fu ammazzata a picconate, colpita più volte alla testa. Per quell’omicidio, particolarmente cruento, fu condannato a 14 anni. Ma grazie agli sconti di pena, Agoi era tornato libero dopo 9 anni.  Trasferitosi poi a Sutri, aveva conosciuto questa connazionale, molto più giovane di lui. Era sempre chiuso in casa, molti dei vicini non sapevano che faccia avesse.

«Non siamo riusciti a evitare questa morte – interviene Fabio Pagani, segretario regionale del sindacato Uilpa Penitenziari –, ma questo fatto rilancia l’emergenza che il carcere di Marassi sta affrontando. Questo carcere un girone infernale, la struttura è sovraffollata, ci sono 730 detenuti contro i 435 che può contenere». Nelle celle in Italia quest’anno ci sono stati 36 suicidi, 545 tentati, 198 detenuti salvati in extremis dal personale di polizia. Gli atti di autolesionismo sono stati 3768 e gli episodi di aggressioni al personale hanno toccato quota 760. «Siamo sotto organico e i colleghi che sono finiti all’ospedale sono stati 216».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...