Rossano, 15 detenuti As iscritti all’Unical. Radicali chiedono l’uso del pc nelle celle


Stamattina nella Casa di Reclusione di Rossano alcuni detenuti iscritti al Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali (Dispes) dell’Università della Calabria (Unical) sosterranno l’esame scritto di “Politica Economica”.

I detenuti avevano chiesto a me ed alla collega Valentina Moretti di presenziare all’esame ma, per altri impegni (avremmo dovuto essere in visita alla Casa Circondariale di Palermo Pagliarelli), non abbiamo potuto farlo, promettendo di essere presenti al prossimo esame (che dovrebbe essere quello di “Sociologia della Devianza”).

Al precedente esame scritto di “Statistica” (ed in altri ancora in passato) diversi detenuti hanno conseguito voti altissimi (27 e 30).

Al momento i detenuti studenti universitari sono 15, tutti appartenenti al Circuito dell’Alta Sicurezza (As3), alcuni dei quali condannati alla pena dell’ergastolo ostativo cd. “fine pena mai”.

Lo scorso 30 agosto, autorizzato dal Vice Capo Reggente del Dap del Ministero della Giustizia Riccardo Turrini Vita, ho effettuato una visita all’Istituto ed all’esito della stessa (11 settembre) ho sollecitato l’Amministrazione Penitenziaria ad autorizzare l’uso ed il possesso, nelle camere detentive, di personal computer portatili ai detenuti iscritti all’Università per motivi di studio, in ossequio a quanto previsto dagli Artt. 40 e 44 del Regolamento di Esecuzione Penitenziaria e dalle relative Circolari Dipartimentali.

L’Istituto Penitenziario di Rossano fa parte del “Polo Universitario Penitenziario” (Pup), recentemente istituito dall’Università della Calabria e dal Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria della Calabria con un Protocollo (stipulato il 3 luglio) tra il Rettore Gino Mirocle Crisci ed il Provveditore Regionale Reggente Cinzia Calandrino.

Emilio Enzo Quintieri

Comitato Nazionale Radicali Italiani