Elezioni Cosenza, Quintieri (Radicali) : Sia garantito il diritto di voto ai detenuti


Per Cosenza, Oltre i ColoriContinua la battaglia dei Radicali di Cosenza per la tutela dei diritti dei detenuti ed in particolare dell’esercizio del diritto di voto in occasione delle prossime consultazioni elettorali per l’elezione diretta del Sindaco e del Consiglio Comunale di Cosenza che, com’è noto, si terrà domenica 5 giugno. Per questo motivo, già lo scorso 7 maggio, all’esito di una visita ispettiva effettuata da una Delegazione dei Radicali alla Casa Circondariale “Sergio Cosmai” di Cosenza, il capo delegazione Emilio Quintieri, aveva scritto una nota ai vertici del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, al Provveditorato Regionale di Catanzaro ed alla Direzione dell’Istituto Penitenziario di Cosenza, lamentando di aver riscontrato che non erano ancora state messe in atto le procedure per consentire ai cittadini detenuti di poter esercitare il diritto di voto alle prossime elezioni amministrative. Ed infatti, durante la visita, numerosi sono stati i detenuti a chiedere informazioni su come poter votare nel luogo di reclusione visto che sono sprovvisti anche della tessera elettorale.

Infatti, i detenuti in custodia cautelare e quelli condannati in via definitiva per reati sentenziati come “non ostativi” sono cittadini aventi pieno diritto al voto e possono votare direttamente presso l’Istituto Penitenziario ove verrà allestito un Seggio Speciale. Chiaramente, nell’occasione, soltanto quelli residenti nel territorio del Comune di Cosenza. In questi giorni, nonostante la sollecitazione fatta dai Radicali, pare che non sia cambiato nulla; invero diversi detenuti hanno segnalato di non essere stati informati e di non aver ricevuto la modulistica per chiedere di poter votare ed ottenere la tessera elettorale o l’attestato sostitutivo come previsto dalla legge.

Considerata l’imminenza delle elezioni, il radicale Quintieri, ha ritenuto opportuno segnalare la problematica al Commissario Prefettizio del Comune di Cosenza Angelo Carbone, al Responsabile dell’Ufficio Elettorale Comunale Leonardo Corina nonché al Dirigente dell’Ufficio Elettorale Provinciale, Vice Prefetto Francesca Pezone ed al Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria della Calabria Salvatore Acerra, invitandoli, ognuno per la parte di rispettiva competenza, ad adoperarsi con urgenza affinché venga garantito a tutti i detenuti aventi diritto di poter scegliere il proprio Sindaco ed i propri rappresentanti in Consiglio Comunale.

Il diritto di voto dei detenuti, vista la complessa procedura prevista dalla normativa, rischia di rimanere tale solo sulla carta – dice Quintieri – se non tempestivamente preceduto da una campagna informativa all’interno dello stabilimento penitenziario per far sì che gli stessi detenuti, che hanno dichiarato di voler votare, siano messi al corrente di quali siano gli adempimenti necessari che loro per primi sono chiamati ad assolvere per esercitare il diritto garantitogli dalla Costituzione.

La brevità dei tempi disponibili, secondo i Radicali che – tramite la candidatura di Valentina Moretti nella Lista “Per Cosenza. Oltre i colori” promossa da Giacomo Mancini – sostengono Carlo Guccione, Consigliere Regionale del Partito Democratico, come Sindaco della Città di Cosenza, richiede un intervento immediato mediante affissione in tutti i Reparti detentivi di appositi cartelli informativi e tramite la distribuzione alla popolazione detenuta della modulistica per manifestare l’intenzione di voto e chiedere la trasmissione dell’attestato sostitutivo della tessera elettorale per poter essere ammessi al voto.

Auspico che nei prossimi giorni – conclude Emilio Quintieri, già membro del Comitato Nazionale dei Radicali Italiani – si faccia tutto il possibile per garantire ai detenuti che ne abbiano titolo la possibilità di poter esercitare il diritto di voto come tutti gli altri cittadini di Cosenza.

Cosenza, i Radicali scelgono Presta Sindaco. Valentina Moretti candidata con Mancini


Valentina Moretti, Emilio Quintieri e Shyama Bokkory in visita al Carcere di CatanzaroSosterremo Presta e ci impegneremo per la sua vittoria come Sindaco della Città di Cosenza. Lo annuncia l’esponente radicale calabrese Emilio Quintieri, già membro del Comitato Nazionale di Radicali Italiani. Saremo presenti, nella Lista civica “Oltre i colori. Per Presta Sindaco” promossa dall’Onorevole Giacomo Mancini Jr, ex Deputato della Rosa nel Pugno ed Assessore della Regione Calabria, da sempre molto vicino alle posizioni radicali, particolarmente quelle afferenti i Diritti Civili, la Giustizia e le Carceri, così come lo era il nonno, l’Onorevole Giacomo Mancini Sr, grande amico del Leader Radicale Marco Pannella.

Fra i 32 candidati al Consiglio Comunale di Cosenza della lista promossa da Mancini a sostegno del candidato Sindaco del centrosinistra Lucio Presta, prosegue Quintieri, ci sarà anche la nostra compagna Valentina Moretti, 22 anni, Laureanda in Giurisprudenza, da tempo impegnatissima soprattutto nell’attività ispettiva all’interno degli stabilimenti penitenziari calabresi per accertare le condizioni di detenzione e la conduzione degli stessi Istituti. Grazie a lei, presso la Casa Circondariale “Sergio Cosmai” di Cosenza ben gestita dal Direttore Filiberto Benevento, sono stati avviati (ed altri sono in via di attivazione) importanti progetti culturali e ricreativi per la popolazione detenuta come la commedia teatrale “Foraffascinu”, in dialetto cosentino, ideata, scritta e diretta da Sergio Crocco, già autore della grandiosa commedia “Conzativicci”, a cui prenderanno parte 12 detenuti che affiancheranno i principali attori dell’Associazione “Terra di Piero” e che andrà in scena, presso il Teatro del Carcere, il 23 aprile ed il 7 maggio ed in seguito anche fuori oppure per quanto concerne l’apertura della Palestra dell’Istituto, da tantissimo tempo chiusa, a causa della mancanza di un Istruttore abilitato. A breve, sarà possibile, per i detenuti di entrambi i Circuiti Penitenziari (Media e Alta Sicurezza), utilizzare la Palestra grazie al progetto “Officina Mente e Corpo” predisposto da Roberto Blasi Nevone, istruttore sportivo, che insieme ad altro personale idoneo, seguirà gratuitamente i detenuti nel loro allenamento, anche promuovendo dei corsi di formazione come istruttore di “body building” per alcuni detenuti, al termine del quale, sarà rilasciato un diploma di istruttore riconosciuto dal Coni e valido a livello nazionale per poter lavorare nelle strutture sportive, creando una opportunità di lavoro dopo l’espiazione della pena per il reinserimento nella società, in attuazione di quanto prevede la Costituzione Repubblicana e l’Ordinamento Penitenziario.

Noi, a differenza di altri candidati, non possiamo promettere nulla in cambio del voto se non quello di continuare a fare quello che abbiamo sempre fatto. Ci auguriamo, conclude il radicale Emilio Quintieri, che i cittadini di Cosenza, sia simpatizzanti di centrodestra che di centrosinistra o coloro che sono stanchi dei “soliti noti”, il 5 giugno vogliano esprimere la loro fiducia ai Radicali votando Valentina Moretti, perché entrando in Consiglio Comunale, potremmo fare tante altre cose in più di quelle che oggi, pur essendo fuori, abbiamo fatto o tentato di fare.

Oltre i colori, per Presta Sindaco