Cosenza, Detenuto morì in ospedale, i familiari: stava sempre peggio


carcere-castrovillari“Quando andavamo a trovarlo le sue condizioni peggioravano”. Così la moglie e i figli di Aldo Tavola hanno raccontato al giudice del tribunale di Cosenza lo stato in cui hanno trovato il marito e padre quando era detenuto nel carcere di Castrovillari. Tavola è deceduto il 26 giugno del 2012 nell’ospedale di Cosenza. L’uomo era stato trasferito all’Annunziata il 22 giugno per problemi neurologici. Nel processo sono imputati Francesco Montilli, responsabile dell’area sanitaria del carcere di Castrovillari; e i medici dell’Annunziata Furio Stancati, Angela Gallo; Domenico Scornaienghi; Ermanno Pisani; Carmen Gaudiano e Antonio Grossi.Tavola che era stato ricoverato per problemi neurologici e lamentava – emerge dalle denunce dei familiari – dolori alle gambe, è deceduto però per shock emorragico causato da un’ulcera perforante. Per l’accusa, i medici e il responsabile sanitario del carcere avrebbero sottovalutato la patologia lamentata dal paziente e riscontrata da alcuni esami endoscopici.

Secondo quanto riferito dai familiari di Tavola, sentiti oggi, le condizioni dell’uomo sono peggiorate da quando è entrato in carcere fino al ricovero in ospedale. Lo vedevano – hanno detto in aula – durante i colloqui e le sue condizioni diventavano sempre più preoccupanti fino a ridurlo a ricorrere alla sedia a rotelle. Poi – hanno riferito ancora moglie e figli – lo hanno visto una sola volta quando è stato ricoverato nell’ospedale di Cosenza e quell’ultima volta prima di morire Tavola lamentava dolore alle gambe. Oltre ai familiari è stato sentito anche Fedele Rizzo, direttore del penitenziario di Castrovillari. Rizzo ha parlato dei trattamenti terapeutici fatti dal detenuto sia nel carcere che all’esterno. Tutti particolari appresi visionando la documentazione sanitaria perché Rizzo non ha avuto contatti diretti con il detenuto. Si torna in aula il 7 aprile per sentire il direttore del carcere di Cosenza e alcuni agenti che hanno gestito il piantonamento in ospedale e infine il comandante del reparto di polizia penitenziaria.

Mirella Molinaro

Corriere della Calabria, 20 Novembre 2014

Conclusa l’Ispezione Ministeriale nel Carcere di Rossano. Il Ministro Orlando attende la relazione degli Ispettori


On. Enza Bruno Bossio - Deputato PdÈ stata portata a termine l’ispezione mirata nel carcere di Rossano Calabro (Cosenza) disposta dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, a seguito della denuncia dell’on. Enza Bruno Bossio riferita alle condizioni detentive riscontrate personalmente dalla parlamentare nell’istituto penitenziario. Gli ispettori, secondo quanto si è appreso, sono arrivati già lunedì scorso ed avrebbero terminato il loro lavoro la sera stessa. Dal carcere, intanto, nessun commento, né da parte del direttore Giuseppe Carrà, né dalla polizia penitenziaria, dal momento che in istituto si attende di sapere l’esito dell’ispezione. Nel carcere di Rossano sono attualmente ospitati 260 detenuti, il 70% dei quali sta espiando una pena definitiva, 36 all’ergastolo, con un sovraffollamento, secondo un recente studio di Demoskopika, del 25,2%. Nell’istituto c’è anche una sezione di alta sicurezza dedicata ai terroristi islamici nella quale sono reclusi in 15.

Nei giorni scorsi, il Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria, ha reso noto che gli agenti avevano sventato un tentativo di evasione di un gruppo di detenuti che stavano allargando le sbarre delle finestre per calarsi con le lenzuola.
Sabato scorso, Bruno Bossio si era recata nel carcere calabrese per una visita a sorpresa. Subito dopo aveva scritto al Garante dei detenuti del Lazio per denunciare condizioni di detenzione inumane e degradanti e i tentativi del personale della struttura per impedirgli l’accesso e la visita nelle varie sezioni del carcere, nonostante il proprio status di parlamentare.
Riguardo alle segnalazioni della parlamentare calabrese, Angiolo Marroni, Garante dei detenuti del Lazio, ha detto: «Ho ricevuto proprio in queste ore una dettagliata relazione da parte del deputato del Pd Vincenza Bruno Bossio sulla situazione del carcere di Rossano Calabro. Auspico che il ministro della Giustizia Andrea Orlando verifichi al più presto, come richiesto dal deputato, se siano rispettati i diritti fondamentali delle persone che sono ristrette in quella struttura».
«Quanto denunciato dall’on. Bruno Bossio – ha aggiunto Marroni – è grave ed inquietante e riporta le lancette della storia bruscamente indietro nel tempo, a comportamenti non degni di un Paese democratico. Spetta alle istituzioni fare piena luce sulla vicenda ed accertare eventuali responsabilità partendo da un dato di fatto incontrovertibile: le carcere fanno parte a pieno titolo della nostra società e certamente non sono luoghi franchi, dove è possibile sospendere regole e diritti».

Corriere della Calabria – 13 Agosto 2014