Campobasso, Quintieri (Radicali): Denunciato Agente Penitenziario per abusi contro il detenuto


Quanto accaduto ieri a Campobasso – ai danni di un detenuto che aveva tentato di evadere – ad opera di un Agente di Polizia Penitenziaria, è di una gravità inaudita ed occorre che siano intrapresi immediati provvedimenti. Per tale ragione, questa mattina, ho presentato un esposto denuncia alla Procura della Repubblica di Campobasso e, per quanto di competenza, al Garante Nazionale dei Diritti dei Detenuti, al Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ed all’On. Riccardo Magi, Deputato di +Europa contro uno degli Agenti Penitenziari per i reati di abuso di autorità e dei mezzi di disciplina e minaccia grave, fatti aggravati perché commessi da un Pubblico Ufficiale contro una persona detenuta affidata alla sua vigilanza e custodia. Lo afferma Emilio Enzo Quintieri, già Consigliere Nazionale dei Radicali Italiani e candidato Garante Regionale dei Diritti dei Detenuti della Regione Calabria.

Non è assolutamente tollerabile che un Agente Penitenziario si comporti in quel modo; il detenuto, senza motivo, è stato ripetutamente percosso con schiaffi, pugni e calci, nonché minacciato utilizzando la pistola d’ordinanza, che, dopo essere stata estratta dalla fondina, gli è stata puntata più volte alla bocca ed alla testa, prosegue l’esponente radicale Quintieri. Per quel che emerge dal video, non c’era alcuna resistenza attiva o passiva in atto né altri atti di violenza, che potesse legittimare l’impiego della forza nei riguardi del detenuto che dopo la tentata evasione era stato subito catturato e si trovava nella piena disponibilità del personale di Polizia Penitenziaria.

Nell’esercizio delle proprie funzioni quotidiane, il personale penitenziario, deve rispettare e tutelare la dignità umana e preservare e far rispettare i diritti fondamentali di ogni persona e non deve far ricorso alla forza contro i detenuti salvo in caso di legittima difesa, di tentativo di evasione o di resistenza fisica attiva o passiva ad un ordine legittimo, e sempre come ultima risorsa. Mi auguro che ognuna delle Autorità competenti, a cui ho indirizzato l’esposto, assuma al più presto rigorosi provvedimenti al riguardo, conclude l’ex Consigliere Nazionale di Radicali Italiani.

Campobasso: detenuto muore all’Ospedale Cardarelli, era stato arrestato un mese fa


Carcere CampobassoÈ deceduto questa mattina all’ospedale Cardarelli di Campobasso, per cause da accertare, il detenuto di Campomarino, C.S. le iniziali del nome, che da qualche giorno era ricoverato al nosocomio del capoluogo. Sulla vicenda la Procura di Campobasso ha aperto un fascicolo.

L’uomo di 56 anni, già noto alle Forze dell’ordine, era finito in manette lo scorso 10 agosto quando, dopo aver danneggiato un’auto nel parcheggio di un distributore di benzina sulla statale 16 aveva iniziato a inveire contro la donna al volante della vettura. All’arrivo della Polizia l’uomo aveva cercato di fuggire, ma la sua corsa era finita contro il guardrail della statale. Da quel momento il 56enne era rimasto chiuso nella sua auto da dove gettava materiale vario contro i poliziotti, brandendo un punteruolo. Lo stesso, prima di finire in manette, si era anche denudato e masturbato dinanzi alla Polizia. Rinchiuso nel carcere di Larino, era stato successivamente trasferito nella casa circondariale di Campobasso e da qualche giorno si trovava nel nosocomio del capoluogo, a seguito di alcuni malori. Ora, per accertare le cause del decesso è probabile che la Magistratura disponga l’autopsia sul corpo dell’uomo.

cblive.it, 11 settembre 2015

 

Campobasso: Detenuto muore di Infarto. Lo curavano con il Malox. Indagati Agenti e Medici Penitenziari


Carcere CampobassoLa Procura della Repubblica di Campobasso ha iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omissione di soccorso quattro persone tra Agenti di Polizia Penitenziaria e Medici in servizio nella Casa Circondariale intervenuti nella cella del 34enne campobassano Alessandro Ianno, forse stroncato da un infarto il 19 marzo scorso. “Dalla mattina Alessandro si lamentava per dolori allo stomaco, al petto e alla spalla – racconta l’avvocato della famiglia, Silvio Tolesino – si sta cercando di capire chi gli ha somministrato il Malox. Noi vogliamo solo conoscere la verità”. Tra 60 giorni si saprà anche l’esito dell’autopsia. Ianno aveva già avuto problemi cardiaci in passato.

L’avvocato della famiglia Ianno sospetta che le cure mediche siano state prestate in forte ritardo al ragazzo “che già dalla mattina si lamentava per dolori alla spalla, allo stomaco e al petto”. I tipici segnali dell’arresto cardiocircolatorio. Ad Alessandro qualcuno, forse il medico della struttura di via Cavour “ma questo è ancora in fase di accertamento” avrebbe prescritto un Malox.

“I dolori non si sono placati – riferisce il legale Silvio Tolesino che assieme ad Antonello Veneziano sta seguendo il caso – anzi sono diventati più forti”. Alle 17 il collasso. Alessandro è morto sotto gli occhi di diversi testimoni. Inutili i tentativi di rianimarlo. “Il nostro non è un accanimento contro il personale penitenziario – con cui si è già schierato il sindacato Sappe – ma vogliamo sapere esattamente chi c’era per arrivare alla verità” dice ancora Tolesino nel giorno della sepoltura di Ianno i cui funerali si sono svolti questa mattina nella chiesta di San Pietro, a Campobasso. Alessandro divideva la stanza con altre tre persone, la loro versione non combacerebbe alla perfezione con quella del personale penitenziario in servizio. L’autopsia eseguita dal medico legale, dottor Vincenzo Vecchione stabilirà con esattezza come e perché è morto Alessandro e se, soprattutto, un tempestivo intervento sarebbe stato capace di salvargli la vita. La perizia non sarà depositata prima di 60 giorni.

C’è un ulteriore particolare sul quale sta lavorando l’avvocato Tolesino: prima dell’arresto, avvenuto a fine febbraio, Ianno aveva avuto qualche problema cardiaco. E si era sottoposto anche a una cura. “Se in carcere sapevano delle condizioni di salute di Alessandro come hanno potuto sottovalutare dei segnali tanto inequivocabili?” si domanda il penalista che ha presentato una domanda di accesso agli atti per confrontare la cartella clinica del paziente Ianno con quella del detenuto Alessandro.