Delegazione di Radicali Italiani visita la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli


Una lunga visita ispettiva da parte di una delegazione di Radicali Italiani all’interno del carcere femminile di Pozzuoli. Visita che ha seguito di poche ore quella che ha avuto luogo ad Aversa nell’ex Opg, oggi a tutti gli effetti un carcere modello e che ha preceduto l’ispezione che avrà luogo oggi nel carcere di Poggioreale.

A Pozzuoli la delegazione guidata dai membri del comitato nazionale di Radicali Italiani, Emilio Quintieri e Sarah Meraviglia, ha potuto riscontrare l’impegno della direttrice Stella Scialpi e degli operatori, finalizzato a rendere la casa circondariale flegrea conforme alle normative nazionali e comunitarie. Dunque spazio a numerosi progetti e ad opportunità lavorative per le detenute e rispetto della sentenza Torreggiani, almeno secondo quanto dichiarato sia dalla direttrice che da Maria Di Falco, assistente capo coordinatore della Polizia Penitenziaria, la quale ha affiancato i radicali durante l’ispezione.

Visita che ha riguardato praticamente l’intero penitenziario, composto da tre piani e da un reparto psichiatrico, non senza uno sguardo al teatro (fulcro di moltissime attività a causa della carenza di spazi nella struttura) alla biblioteca, all’infermeria e alla cucina. Qui le detenute erano alle prese con la preparazione delle tipiche pietanze pasquali in un ambiente attrezzato e pulito munito perfino di forno a legna. I numeri raccontano tuttavia una realtà non esente da problemi, anche di sovraffollamento: in 109 posti di capienza regolamentare, attualmente il carcere di Pozzuoli ospita 160 detenute. Tuttavia è un minimo storico, secondo quanto raccontato dalla direttrice, rispetto a un recente passato che un anno fa vedeva 180 ristrette con picchi di 220 fino a pochi anni fa. Di queste 160 donne ristrette, circa 70 sono in attesa di giudizio, ci sono tre detenute semilibere e un quinto delle detenute di Pozzuoli è di nazionalità straniera. In particolare è folta la rappresentanza di nigeriane. Pozzuoli ospita inoltre un reparto psichiatrico che al momento conta sei detenute in otto posti disponibili.

Sebbene le celle siano spaziose ci si imbatte in stanze che contengono fino a dodici detenute, con un solo bagno e una sola doccia per tutte. Ciò nonostante, le condizioni dei servizi igienici sono buone come buona è quella delle celle e così la condizione generale delle detenute. Vi sono diversivi come una biblioteca, corsi di zumba, di ginnastica (con la presenza di Rosa Todisco del Coni) di ricamo e perfino un accordo con Marinella per la produzione di cravatte, attualmente in uso proprio dal corpo di polizia penitenziaria. C’è inoltre la ormai storica torrefazione del caffè “Le lazzarelle” con l’omonima cooperativa e perfino una boutique con prodotti di abbigliamento e cosmesi donati dalla Caritas a disposizione delle detenute. Inoltre, i lavori di manutenzione, di ristrutturazione e di pulizia un tempo appaltati a ditte esterne sono stati affidati alle detenute in articolo 21, ovvero con la possibilità di lavoro esterno. Essendo ciò difficile, come ha confermato la direttrice, ecco che il carcere diventa datore di lavoro come fosse un ente terzo, favorendo in tal modo la riabilitazione delle ristrette. Un caso in cui l’articolo 27 della Costituzione, insomma, trova riscontro nei fatti. Al momento sono sette le detenute in articolo 21, mentre sono più di 50 quelle che, a vario titolo, svolgono attività lavorative nel carcere.

Quanto all’istruzione, questa si ferma al biennio delle scuole superiori, non è dunque possibile conseguire la maturità e a breve sarà istituito un corso di informatica. In cantiere, inoltre, la nascita di un call center con mansioni di C.U.P. (centro unico di prenotazione per prestazioni sanitarie) ma l’endemica carenza di spazio ha fin qui impedito la realizzazione del progetto. Vi è inoltre un’infermeria, anch’essa oggetto della visita, con dentista, ginecologo, tac e radiologia. La pianta organica della polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Pozzuoli è stata rivista al ribasso: dai 170 agenti un tempo previsti si è passati a 135 ma solo (al massimo) 110 sono effettivamente in servizio nella struttura. Vi sono infatti una trentina di agenti dislocati altrove.

Nonostante la pianta organica non del tutto coperta, a Pozzuoli (casa circondariale di media sicurezza) si applica la politica delle celle aperte: al primo e al secondo piano le detenute possono girare per la struttura dalle 7 alle 12 e dalle 13:30 alle 18:00. Al terzo piano stanze aperte dalle sette di mattina alle sette del pomeriggio. Il primo piano ospita detenute condannate in via definitiva e detenute ricorrenti, il secondo piano quelle in attesa di primo giudizio o di sentenza d’Appello, il terzo piano altre ristrette con sentenza passata in giudicato.

Fabrizio Ferrante 

http://www.ottopagine.it – 31 marzo 2018

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...