Roma, Il Pg: «Brunetti fu massacrato dai Poliziotti fino alla morte dopo l’arresto. Vanno condannati»


Corte di Assise di Appello di RomaLe richieste del Pg Francesco Mollace ribalterebbero la sentenza di primo grado: il decesso di Stefano Brunetti, arrestato nell’ottobre del 2008, sarebbe da addebitare alle percosse subite e non ad atti di autolesionismo. Chiesta una condanna per quattro poliziotti, due dei quali rischiano 10 anni di reclusione.

Il Procuratore generale Francesco Mollace ha chiesto alla Prima Corte d’Assise di Roma di condannare i due agenti di polizia Salvatore Lupoli e Alessio Sparacino a 10 anni per la morte di Stefano Brunetti, 43enne arrestato l’8 settembre del 2008 per furto e lesioni. L’uomo morì il giorno successivo al fermo nell’ospedale di Velletri, secondo la procura a seguito delle percosse ricevute in commissariato. Coinvolti anche altri due agenti *(Daniele Bruno e Massimo Cocuzza n.d.r.), responsabili secondo l’accusa di aver falsificato i verbali. *(Per loro è stata chiesta la condanna ad 1 anno di reclusione per aver attestato il falso nel verbale di arresto n.d.r.).

Le richieste dell’accusa, se fossero confermate, ribalterebbero completamente la sentenza di primo grado emessa della Corte d’assise di Frosinone che nell’ottobre del 2013 aveva assolto con formula piena i quattro agenti indagati in quanto “il fatto non sussiste”. “La sentenza di primo grado dà l’idea di una convinzione estranea alle carte processuali – ha dichiarato Mollace in aula – Il processo ha una prova diretta: è stato lo stesso Brunetti ad accusare in modo diretto le guardie del Commissariato. Ma la prima Corte ha liquidato questa prova come argomento residuale, dicendo praticamente che si è trattato di un suicidio. La prova c’é e gli imputati vanno condannati”.

Secondo l’accusa la vicenda di Stefano Brunetti assomiglierebbe a quella di Federico Aldrovandi e di Stefano Cucchi. L’uomo aveva un passato di tossicodipendente alle spalle e qualche piccolo precedente. Quando viene arrestato si trovata in un garage di una casa di Anzio intento a compiere un furto: quando il padrone di casa lo scopre il 43enne lo colpisce con una mazza. A quel punto l’intervento della volante che lo ferma al termine di una colluttazione. Brunetti è talmente fuori di se, tanto che gli agenti chiedono l’intervento della guardia medica. Dopo alcune ore Brunetti viene trasferito nel carcere di Velletri e da lì nell’ospedale del comune dei Castelli Romani. Per la Procura di Velletri il decesso di Stefano Brunetti è dovuto alle percosse.

Valerio Renzi

fanpage.it, 7 ottobre 2015

*(n.d.r. Emilio Quintieri)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...