Roma, Gli negano la scarcerazione e si impicca. Al Giudice scrive “Mi hai condannato a morte”


carcere rebibbiaUn marchigiano di Maiolati Spontini, vicino Jesi, si è ucciso nella Casa Circondariale di Roma Rebibbia dove era detenuto per una storia di stupefacenti subito dopo aver saputo del rigetto di una istanza di scarcerazione. L’uomo, che aveva chiesto la sostituzione della misura cautelare (arresti domiciliari anziché in cella), si è impiccato allo spigolo di una armadietto con un nastro di stoffa ricavato dall’accappatoio. Si chiamava Bruno Plutino.

Il dramma – di cui si è avuta notizia solo ieri – risale a sabato mattina intorno a mezzogiorno. Alle 11,15 gli era stato notificato da Genova il rigetto dell’istanza. I soccorsi sono stati immediati e una dottoressa ha praticato per 40 minuti il massaggio cardiaco e le manovre di rianimazione, ma non c’è stato nulla da fare. Plutino, 42 anni, ex concessionario auto, avrebbe lasciato due lettere per il magistrato: una in busta chiusa, nell’altra un messaggio: “Mi hai condannato a morte”. Del dramma si occupa il Garante dei Diritti dei Detenuti del Lazio Avv. Angiolo Marroni. Plutino, condannato in primo grado a 16 anni a 8 mesi, non doveva stare in carcere.

Da tempo era gravemente depresso, rifiutava il cibo tanto da essere malnutrito e aver perso in poco tempo quasi 50 chili (da 102 a 58). Uno scheletro di un metro e 83 di altezza che non ragionava più e rifiutava le cure. Allo psichiatra aveva detto “di sentire negati i propri diritti di detenuto”. Uno stato fisico e mentale che aveva portato la direzione del carcere di Rebibbia a concludere: “Si evidenza che le attuali condizioni di salute risultano gravemente incompatibili con il regime carcerario con elevatissimo rischio della vita”.

La relazione aveva convinto un giudice a sostituire l’ordinanza di custodia cautelare in carcere (emessa per importazione di 670 chili di cocaina) con gli arresti domiciliari in una struttura ospedaliera di Roma, da “individuarsi tempestivamente”. Ma i rifiuti di sottoporsi alle cure nel carcere di Ancona, dove l’uomo era stato la settimana scorsa per essere presente ad atri processi, erano stati presi male e il medico penitenziario aveva scritto che il detenuto si trovava “in condizioni stabili con ripresa del peso corporeo”. Il giorno dopo Plutino si è ucciso a Rebibbia dove era stato riportato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...