Padova, Agente Penitenziario arrestato : “Sono cocainomane, ma non ho mai spacciato”


Poliziotto PenitenziarioIn due sono rimasti zitti, mentre un collega ha parlato. Per raccontare la “sua verità” al gip Mariella Fino, il magistrato che ha firmato l’ordinanza destinata a spedire in carcere due rappresentanti della polizia penitenziaria del carcere Due Palazzi (l’assistente Pietro Rega responsabile del 5° piano e l’agente Luca Bellino), agli arresti domiciliari quattro agenti (Roberto Di Profio, Angelo Telesca, Paolo Giordano e Giandomenico Laterza), mentre altri nove colleghi sono indagati in stato di libertà. Roberto Di Profio ha cercato di difendersi, respingendo ogni accusa, pur ammettendo la propria dipendenza dalla cocaina.

L’agente ha raccontato che, da alcuni anni, assume la “polvere bianca”. Difficile negarlo: le intercettazioni telefoniche contenute nell’ordinanza confermano che, quasi quotidianamente, Di Profio contattava al telefono pusher nordafricani per ordinare la cocaina da consumare “in tre… quattro…”. Droga che, secondo gli investigatori, veniva anche venduta ai detenuti.

L’agente (assistito dall’avvocato Eleonora Danieletto) ha voluto difendere il suo onore e ha insistito “voglio curarmi”. Pur confessando i propri sbagli, l’uomo ha detto di essersi sempre comportato correttamente sul lavoro. La prova? Avrebbe spesso aiutato i detenuti, contribuendo alla loro rieducazione: nel suo piano (il 6° e il 7°) molti si laureano in Filosofia.

Mai spacciato droga, poi, ha insistito. Anche loro difesi dall’avvocato Danieletto, hanno preferito avvalersi della facoltà di non rispondere gli assistenti Paolo Giordano (l’aspirante porno-attore che distrubuiva i suoi filmini hard dietro le sbarre, soprannominato il poeta o il pittore) e Angelo Telesca (il Condor).

Il primo deve rispondere di spaccio aggravato; il secondo è in una posizione più critica perché accusato pure di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Giordano, peraltro, è agli arresti domiciliari in un alloggio riservato al personale nel complesso del Due Palazzi e condivide la stanza con un collega indagato in stato di libertà.

Già interrogati Pietro Rega (difensore l’avvocato Roberta Barin) e Luca Bellino (avvocato Annamaria Marin), rinchiusi nel carcere militare di Santa Maria Capua a Vetere: entrambi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Cristina Genesin

Il Mattino di Padova, 16 luglio 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...