“Aveva la faccia sporca di sangue, per le botte che non aveva preso”


CARCERE VERITA'

In questi giorni è successa una cosa che mi ha fatto molto piacere e aspettavo che passasse la giornata di ieri, per poterlo pubblicare sul blog.

La settimana scorsa, mi è stato chiesto di scrivere una lettera sulla nostra esperienza del carcere, mia e di mio marito.

Questa lettera è stata pubblicata sul numero di ieri, del quotidiano “Il Garantista”.

Quello che segue, è il testo.

Io sono una persona cattiva.

Se così non fosse , allora perché avrebbero dovuto dirmi questo: “Lei è un pessimo esempio per suo marito. E’ interdetta dai futuri colloqui!”. La signora comandante me lo disse, davanti alla faccia di R. coperta di sangue, per le botte che “non” aveva preso.

Sono cattiva, perché in malafede pensai che lo avessero picchiato loro. Questo è il carcere. La verità che non ti aspetti.

Perché “dentro”, la spiegazione non è mai semplice. R. aveva la faccia e…

View original post 557 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...