Carceri : Violentavano i detenuti stranieri. Arrestati due Agenti di Polizia Penitenziaria a Modica


Due Assistenti Capo della Polizia Penitenziaria in servizio nel Carcere di Modica sono stati arrestati dai Carabinieri del Comando Provinciale di Ragusa per abusi sessuali su alcuni giovani detenuti stranieri. Avrebbero minacciato le vittime di fare trovare droga nei loro vestiti o nelle celle se si fossero opposti, “gratificando” chi, invece, cedeva, con “regali” come droga e sigarette. Le indagini sono state avviate dopo una denuncia dell’Amministrazione Penitenziaria di Ragusa.

I due assistenti capo della Polizia Penitenziaria di Modica, A.L. e F.C., 45 anni, sono stati posti agli arresti domiciliari e sono indagati dalla Procura di Modica per concussione e violenza sessuale, continuata e aggravata, e spaccio di sostanze stupefacente. I due sono stati arrestati all’alba dai Carabinieri del Comando provinciale di Ragusa perché accusati di aver abusato in periodi diversi, tra maggio del 2012 e del marzo 2014, di alcuni giovani detenuti stranieri costringendoli a subire umilianti atti sessuali di varia natura, dietro minacce.

In caso di rifiuto della “vittima” prescelta il carcerato sarebbe stato minacciato di gravi ritorsioni come quello di fargli allungare i tempi della detenzione con nuove accuse: avrebbero nascosto droga nei suoi vestiti o nella sua cella, accusandolo di esserne il possessore. Chi invece accettava le avances sarebbe stato ricompensato con alcuni “regali” come dosi di hashish, sigarette, tabacco e altri prodotti difficili da trovare in una prigione. E’ tra l’altro emerso che i due sottufficiali della polizia penitenziaria si spartivano i reclusi tra loro, scegliendoli tra quelli virilmente piu’ dotati, preferibilmente stranieri e, sfruttando momenti particolari in cui i detenuti erano da soli, li palpeggiavano e li costringevano a rapporti sessuali di varia natura. Numerosi gli episodi che i carabinieri hanno documentato e che sono ora agli atti dell’inchiesta. Le indagini dei carabinieri sono scaturite dalla denuncia dell’Amministrazione penitenziaria di Ragusa.

Osapp: epurare da “mele marce” il Corpo di Polizia penitenziaria tutela legalità

L’arresto di due assistenti capo di Polizia Penitenziaria in servizio nella Casa Circondariale di Modica è un episodio gravissimo, ma non può e non deve minare l’immagine del Corpo che quotidianamente è impegnato per assicurare la sicurezza penitenziaria. Lo afferma il Segretario Generale aggiunto dell’Osapp, Domenico Nicotra. Evidente – osserva il sindacalista – che episodi del genere vadano immediatamente sanzionati epurando dalle “mele marce” il Corpo di Polizia penitenziaria che quotidianamente è espressione di legalità nelle patrie galere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...